PROGETTO

HomePvPower è un progetto di ricerca industriale coordinato da MIST E-R e cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale attraverso il “Bando per progetti di ricerca industriale strategica rivolti all’innovazione in ambito energetico” (DGR 1097/2015). Il progetto si propone di dimostrare una modalità innovativa di autoconsumo e gestione dell’energia elettrica da fotovoltaico che non richiede una connessione bidirezionale alla rete ma permette comunque di utilizzare la rete come fornitore di backup senza soluzione di continuità. Verranno sviluppati tre componenti essenziali per la powerline domestica che non esistono ancora in commercio, il “Power Mixer” (miscelatore della potenza generata con quella eventualmente prelevata dalla rete), lo “Smart Powerline Controller” (sistema di controllo e gestione della powerline) e due nuove tipologie di elementi fotovoltaici per arredo domestico che, integrati con prodotti commerciali opportunamente adattati, costituiranno un kit per trasformare una tipica powerline domestica in powerline attiva con connessione unidirezionale alla rete elettrica esterna. Caratteristica principale del kit sono la modularità e l’espandibilità del numero di componenti attivi installabili, sia generatori che accumulatori, senza che sia necessario modificare l’impianto elettrico.

OBIETTIVI

L’obiettivo del progetto è la realizzazione di un kit “demo” di apparecchiature e componenti elettrici, attivi e passivi, basato su tre prototipi di prodotti innovativi sviluppati specificamente nell’ambito di questo progetto:
1. “Power Mixer”: apparecchiatura per la gestione e la regolazione dell’erogazione di potenza elettrica da parte della powerline locale in presenza di unità locali di generazione e/o di accumulo di energia elettrica e mediante la connessione unidirezionale e a bassa priorità (fornitura di backup) con la rete elet¬trica esterna.
2. “Smart Powerline Controller” : sistema di monitoraggio e controllo del Power Mixer, dei carichi e delle componenti attive installate sulla powerline locale in funzione dell’ottimizzazione dell’utilizzo dell’energia elettrica generata localmente e del prelievo di ener¬gia elettrica dalla rete esterna.
3. “Smart PV”: elementi fotovoltaici innovativi di diversa forma e dimensione con caratteristiche di arredo architettonico e basati sia su celle solari con¬venzionali al Silicio che su celle fotovoltaiche speri¬mentali a film sottile a diverso grado di trasparenza depositate su substrati ultraleggeri metallici o polimerici.
Il progetto prevede infine il test di funzionamento del kit mediante installazione in una tipica powerline domestica e misurazione delle prestazioni del sistema (efficienza, sicurezza, gestibilità da parte dell’utente. impatto sulla bolletta elettrica e altri) e dei suoi componenti principali.

PARTNERS

MIST E-R – Laboratorio di micro e submicro tecnologie abilitanti dell’Emilia Romagna

MIST E-R è una società consortile pubblico-privata di ricerca industriale e trasferimento tecnologico. I soci comprendono il CNR, le Università di Ferrara e Parma, la Fondazione Democenter-Sipe ed imprese operanti in diversi settori manifatturieri. Principali settori operativi di MIST E-R sono lo sviluppo di Mi¬cro e Nano Tecnologie su materiali inorganici e orga¬nici, nano strutture e interfacce per la biodiagnostica e il biomedicale e dispositivi e manufatti basati su materiali nanostrutturati.
Referente Massimo Mazzer
massimo.mazzer@cnr.it

sito internet

FONDAZIONE DEMOCENTER-SIPE

La Fondazione Democenter-Sipe è un centro accre¬ditato per l’innovazione della Rete Alta Tecnologia. Democenter-Sipe sostiene i percorsi di innovazione ponendosi come facilitatore e interfaccia fra centri di ricerca, enti pubblici e imprese, realizzando azioni di trasferimento e diffusione delle attività e dei risultati della ricerca.
Referente: Massimo Garuti
m.garuti@fondazionedemocenter.it

sito internet

AKSE ELECTREX

Da oltre 20 anni Akse opera nel mercato del risparmio energetico per ridurre i consumi individuando gli sprechi, le cause e sensibilizzando gli utilizzatori. Akse progetta, produce e installa reti di monitoraggio dei consumi energetici. Trattasi di sensori, contatori, analizzatori, datalogger, coordinatori, energy data manager e gateway commercializzati con il marchio Electrex. Le reti sono gestite da software che consen¬tono la configurazione, l’amministrazione, lo scarico di dati, in locale e da remoto, per generare report di analisi dei consumi. Altro settore in cui Akse opera è quello dell’Energy automation, per automatizzare i processi finalizzati a gestire al meglio l’utilizzo dell’energia: accensioni/spegnimenti, invio di notifiche e automazioni basate su calendari.
Referente: Marco Bonacini
marco.bonacini@akse.it

sito internet

ESTE S.R.L.

E.S.T.E., acronimo di Energy Systems Technology Environment, è una società di Engineering specializzata in sistemi elettronici e meccatronici, con sede opera¬tiva a Ferrara. E.S.T.E. si occupa di ricerca industriale e ingegnerizzazione di prodotti per il controllo di veicoli agricoli, industriali, heavy-duty e automotive; applicazioni di sistemi ISOBUS e di Precision Farming; di automazione di macchina e di sistemi di guida autonoma; di ingegnerizzazione di nuovi sensori e applicazioni di interazione con il mondo internet e IoT.
Referente: Roberto Serra
serra@estetechnology.com

sito internet

IMAMOTER – C.N.R.

IMAMOTER è un Istituto di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), ha sede principale a Ferrara e conta una Sede Secondaria presso l’Area di Ricerca del CNR di Torino, a cui si aggiungono due stazioni sperimentali presso Candiolo (TO) e Vezzolano (AT). La Missione di IMAMOTER è quella di essere una risorsa di eccellenza per l’avanzamento, la promozione e la divulgazione delle conoscenze e delle tecnologie utili alla progettazione, alla produzione e all’impiego delle macchine agricole e movimento terra, in una prospettiva di sviluppo sostenibile, efficienza energetica e sicurezza d’impiego.
Referente: Massimiliano Ruggeri
m.ruggeri@imamoter.cnr.it

sito internet

Progetto POR-FESR 2014-2020, ASSE 1 Ricerca e Innovazione. Azione 1.2.2